Lorenzo Lombardi
Giornalista & Reporter

A 18 anni era già stato sulle Piramidi d’Egitto, nell’Acropoli di Atene, sulle Piramidi Maya di Chichén Itza e sulla Muraglia Cinese oltre che in molte zone d’Europa, europa che ha continuato e continua naturalmente a girare con la stessa “naturalezza” con cui le persone vanno a prendere il caffè al bar sotto casa. Tra il 2017 ed il 2021 ha iniziato una serie di viaggi e reportage intorno al mondo che lo hanno portato a vivere in India, a documentare la Londra delle manifestazioni pro e contro Brexit, la Berlino che celebravano i 30 anni della caduta del muro (2019) e poi della riunificazione della Germania (2020 già in epoca Covid). Ed ancora Dublino, il Marocco e chiaramente l’Italia in tutte i suoi angoli. In questo periodo è impegnato a trasformare questo maxi reportage in un’opera divulgativa che ancora è riservata. Nel 2017 in India realizza due reportage, uno nelle bidonville documentando la condizione (e ridendo e piangendo insieme a loro) di chi vive in condizioni di grande difficoltà, e poi si è recato a Bhopal, sul luogo del più grande disastro chimico al mondo, documentando con maschera antigas, quel sito, mai bonificato, dell’allora multinazionale chimica Unione Carbide. Quell’inchiesta/reportage, pubblicata su La Nuova Ecologia ottenne (ed ottiene ancora) grande risalto mediatico sia sul cartaceo che nell’edizione online
Bhopal un Silenzio Avvelenato

https://www.lanuovaecologia.it/un-silenzio-avvelenato/


Realizzato da i-Call s.r.l.

https://www.i-call.it